I mercati galleggianti del Mekong Delta

I mercati galleggianti del Mekong Delta

È il decimo fiume più lungo del mondo (4.500 km) e il suo delta è a dir poco enorme. Sto parlando del Mekong.
Essendo a sud di HCMC è comodo da raggiungere in auto, la durata dipende dalla vostra meta, dato che il delta del Mekong è gigantesco. Non avevamo abbastanza giorni da dedicargli, ma non volevamo perdercelo. Così, una volta arrivate a HCMC, ci siamo velocemente informate sulle opzioni per andarci…

Due giorni nel Mekong Delta

La nostra decisione finale è stata optare per un tour privato (l’unico che abbiamo prenotato in tutta la vacanza). Per il tour di una giornata e mezza con una guida, trasporto in pulmino con una ventina di persone e hotel per una notte abbiamo pagato 450.000 VDN (17 €) a testa. Abbiamo prenotato in una piccola agenzia vicina al nostro hotel, che si è rivelato comodo perché il punto di ritrovo per la partenza era proprio lì. Ecco a voi un resoconto di queste due giornate.

My Tho

Verso le 8 siamo partiti per My Tho, capitale della provincia di Tien Giang con circa 270.000 abitanti. Prima di andare in centro ci siamo fermati a fare una pausa alla Pagoda Vinh Trang, la costruzione buddista più grande della provincia e una delle più conosciute nella regione. Ci sono diverse statue bianche e gigantesche di Buddha sparse in tutti i giardini della pagoda.

Dopo una visita veloce al complesso, siamo arrivate a My Tho, dove abbiamo preso un traghetto e abbiamo attraversato il Mekong.
Quello che abbiamo fatto è stato un tour infinito tra varie isolette. Prima pranzo al ristorante, poi tempo libero per fare un giro con delle vecchie bici nei dintorni. Poi abbiamo percorso una tratta su delle piccole carrozze trainate da due asinelli fino ad arrivare ad una “fabbrica” di caramelle al cocco. Le donne le incartano a mano una ad una alla velocità della luce. Siamo poi passati ad un’altra isola, dove ci avevano preparato della frutta e del tè, e mentre mangiavamo delle donne hanno suonato e cantato per noi in costumi tipici. Questa è stata una delle cose che mi è piaciute meno in tutta la giornata, perché mi sono sentita come una ricca turistella, mentre queste donne erano come animali da circo con delle espressioni molto tristi. Siamo state felici di potercene andare.

Abbiamo proseguito con un piccolo giro sulle piccole barchette, guidate da gente del luogo appollaiata alle due estremità della barca. Questa è una delle cose più famose riguardo il Mekong Delta, ma in realtà il giro è durato pochissimo, anche se è stato simpatico. Ma forse prenotando un tour così corto era prevedibile che sarebbe stata una corsa contro il tempo. Prima di tornare al traghetto e andare in hotel ci hanno portati a una “fabbrica” di miele, dove ci è stato offerto the e dolcetti, ovviamente al miele.

Can Tho

Da My Tho ci abbiamo messo circa due ore a raggiungere Can Tho, la città più importante del delta e la quarta città più grande del Vietnam con oltre un milione di abitanti. La giornata si è conclusa con cena e giretto in città per conto nostro.
A Can Tho, il giorno dopo, abbiamo visitato i mercati galleggianti. Sembra incredibile come le persone laggiù vivano. Le barche sono la loro casa e mantenimento. Ci dormono, cucinano, lavano i vestiti e hanno la loro mercanzia da vendere.

Il mercato galleggiante di Can Tho che abbiamo visto noi era un agglomerato di barche, alcune abbastanza grandi e cariche di frutta, altre più piccole con a bordo solo una o due persone. Su queste piccole viene venduta frutta, ma anche the o caffè caldo, zuppa o bibite. Molte barche si avvicinavano a noi e tentavano di vendere a noi turisti gridando a più non posso, si vede che molti si piazzano ai bordi del mercato per adocchiare le barche dei turisti per primi e “assalirle”. Il turismo qui è una fonte di guadagni per loro, che vivono in povertà, ci ha spiegato la nostra guida. Questo, di nuovo, mi ha messo un po’ di tristezza.
È stato qui che ho assaggiato l’ananas più dolce e succoso della mia vita. Era così buono che non bruciava nemmeno la lingua!

Dopo aver superato il mercato galleggiante siamo stati condotti in una “fabbrica” di carta di riso. Qui vengono prodotti, con una pastella che viene poi fatta essiccare al sole, i famosi noodles. L’ultima tappa della giornata è stato un frutteto, dove abbiamo potuto passeggiare tra alberi e fiori.
La gita nel Mekong Delta si è conclusa tornando con il traghetto al parcheggio dell’autobus, e a HCMC.

Certamente una giornata e mezzo non è assolutamente sufficiente per il Mekong Delta. Se avessi avuto più tempo avrei provato a visitarlo organizzando il tutto da sola, come per i Cu Chi Tunnels, perché questo rende l’esperienza molto più autentica che una “visita guidata” con varie tappe da turistello.
Questa volta è andata così.

Se il post ti è piaciuto:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *