Sri Lanka – Safari nell’Udawalawe National Park

Sri Lanka – Safari nell’Udawalawe National Park

Fare un safari in Sri Lanka è un must: ci sono molti parchi dove poter intraprendere quest’attività e noi siamo state all’Udawalawe National Park. Per vedere i piccoli elefanti ancora più da vicino abbiamo visitato l’Udawalawe Elephant Transit Home. Di cosa si tratta? Ve ne parlo in questo articolo, buona lettura!

Fare un safari nell’Udawalawe National Park

L’Udawalawe National Park è il terzo parco nazionale più visitato in Sri Lanka e una popolare attrazione turistica dell’isola. Il parco nasce nel 1972 ed è un perfetto habitat naturale protetto per gli elefanti selvatici e le molte specie di uccelli acquatici che ci vivono, data la sua varietà ambientale con aree secche e bacini idrografici.

Il safari si svolge con una jeep che può trasportare fino a sei persone. Si può scegliere se prenotare mezza giornata oppure un giorno intero. Il parco offre un comodo servizio di pick up direttamente al vostro alloggio, così non dovrete preoccuparvi di come raggiungere il parco, la cui entrata si trova a un paio di chilometri dal centro della cittadina di Udawalawe. Per prenotare una jeep e altre informazioni, andate sul sito ufficiale del parco udawalawenpsafari.lk.

Durante un safari in questo parco vedrete molti elefanti dello Sri Lanka, una specie endemica e la più grande sottospecie dell’elefante asiatico: pesano tra le 2 e le 5,5 tonnellate e sono alti circa 3 metri. La loro pelle è piuttosto scura e si distingue per delle macchie più chiare che io trovo bellissime. Durante questo safari ho visto una femmina di elefante incinta che si muoveva lentamente con il suo piccolo appresso. La scena mi ha trasmesso molta tenerezza. Anche a voi piacciono gli elefanti?

Se siete amanti del birdwatching, siete nel posto giusto. Nel parco ci sono tantissimi pavoni, che avvisterete grazie al loro piumaggio blu scintillante, e molti uccelli acquatici dai diversi colori come cormorani, pellicani e cicogne. Non mancano i rapaci: nel parco risiedono infatti diversi tipi di aquile. Spesso si mimetizzano nella vegetazione e la vostra guida vi aiuterà a scovarli, anche se è spesso difficile fotografarli.

Si possono avvistare molti altri animali come coccodrilli e altri rettili, oltre a cervi, cinghiali, bufali d’acqua e ovviamente scimmie, solo per citarne alcuni. Ci sono anche dei felini, che però sono molto difficili da vedere. Se siete particolarmente fortunati riuscirete addirittura ad avvistare un leopardo (io non ne ho visti).

Vedere gli elefanti nell’Udawalawe Elephant Transit Home

Se vi piacciono gli elefanti dovete assolutamente visitare l’Udawalawe Elephant Transit Home. Questa struttura è stata aperta nel 1995 dal Dipartimento di conservazione della fauna selvatica singalese e fa parte dell’Udawalawe National Park. Purtroppo gli elefanti vengono uccisi e molti piccoli rimangono quindi orfani. Sono queste attività umane che mettono a rischio la specie degli elefanti dello Sri Lanka — nome scientifico Elephas maximus maximus — ormai in via di estinzione. Lo scopo della Transit Home è di nutrire e accudire gli elefanti rimasti orfani, prima di rilasciarli nuovamente nel loro habitat naturale.

Per finanziare il progetto, il dipartimento ha creato un programma di adozione degli elefanti, nel quale si può aiutare pagando cibo e medicinali per l’elefante adottato. Gli elefanti possono tornare in libertà dopo il raggiungimento dei 5 anni di età ma la Transit Home continua a monitorarli con dei collari per seguirne i movimenti e i progressi.

Il contatto umano viene ridotto al minimo per fare in modo che gli elefanti non si abituino troppo alla presenza umana. Per questo durante la visita alla Transit Home i turisti possono solo assistere al pasto degli elefantini ma non interagire con loro. Nonostante i pasti avvengano regolarmente (ogni tre ore) la visita al pubblico è permessa solo alle 9:00, 12:00, 15:00 e 18:00.

La scena è molto dolce e allo stesso tempo divertente: i cuccioli entrano a turno e sanno benissimo dove andare per ricevere la loro porzione di latte. I più piccoli vengono allattati con una “tanica-biberon”, mentre i più grandi con una canna collegata ad un imbuto. Gli addetti hanno un bel da farsi a scolare litri e litri di latte nelle bocche golose dei piccoli pachidermi. Alcuni sono particolarmente ingordi e si attaccano alla canna protestando con rumorosi barriti, prima di essere mandati via con una bella pacca sul didietro!

Foto di elefantini nell'Udawalawe Elephant Transit Home.

Questa tappa tutta al naturale mi è piaciuta molto. Durante il safari, mentre il sole ci scaldava e il venticello ci accarezzava la pelle, abbiamo goduto di una quiete rilassante. Cercare gli animali e osservarli mangiare e muoversi in mezzo alla vegetazione è affascinante. Anche alla Transit Home, nonostante le molte persone sedute sulla scalinata ad ammirare i piccoli elefanti, c’era un silenzio di ammirazione interrotto solo dai dolci barriti degli animali.

Anche a voi piacciono i safari? Ne includereste uno nel vostro viaggio? Fatemelo sapere nei commenti!

Sri Lanka - Safari nell'Udawalawe National Park



2 thoughts on “Sri Lanka – Safari nell’Udawalawe National Park”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *