Trekking in Austria – Großes Wiesbachhorn

Trekking in Austria – Großes Wiesbachhorn

Il Großes Wiesbachhorn (3564 m) è la seconda montagna più alta del Glocknergruppe, gruppo montuoso austriaco famoso soprattutto per il Großglockner (3798 m), la cima più alta dell’Austria e delle Alpi orientali. Il Großes Wiesbachhorn è anche la terza cima dei Tauri occidentali (la seconda è il Großvenediger con i suoi 3666 m), nonché nona cima austriaca in assoluto.

Abbiamo deciso di tentare questa cima un poco al di sopra del nostro abituale per diversi motivi. Innanzitutto la vicinanza con il rifugio Heinrich-Schwaiger-Haus (2802 m), che ci ha permesso di pernottare ad alta quota, esperienza che non avevamo mai provato prima. Inoltre, l’ascesa alla cima non è tecnicamente difficile (UIAA I): non passa per ghiacciai e non richiede scalate o attrezzature, anche se si trova abbondante neve anche in estate, è caratterizzata da pendii molto ripidi e scarponi con i ramponi possono tornare utili.

La ricompensa, se avete fortuna di trovare bel tempo, è un paesaggio che si estende dalla Germania all’Italia, punteggiato dalle cime più alte delle Alpi orientali, da ghiacciai, cime e valli a perdita d’occhio. Una cosa che ci ha colpito per tutta la camminata e che è stata per noi una novità, avvezzi alle zone più amichevoli delle dolomiti e delle prealpi venete e bavaresi, è la natura estrema e selvaggia di questi posti. Montagne alte 3500 m si ergono imponenti direttamente dal fondovalle a 1300 m, creando versanti interminabili, per lo più brulli, e donando al paesaggio un aspetto ostile e facendogli assumere dimensioni titaniche. I ghiacciai, cosa piuttosto rara e di piccola scala nelle Dolomiti, raggiungono qui dimensioni notevoli, fatto sta che ad alte quote si stendono per diversi chilometri, rivaleggiando con i cugini andini ed himalayani.

Foto di una cresta di montagne in Austria.

In questo post trovate informazioni sul trekking e sul rifugio e ovviamente una mappa del percorso per raggiungere la cima del Großes Wiesbachhorn.

Distanze, altitudini e dislivelli

  • Distanza totale: 12 km
  • Altitudine partenza: 2030 m
  • Altitudine massima: 3564 m
  • Dislivello cumulativo: 1550 m

Informazioni sul percorso

Dobbiamo ammettere che quello che riportiamo in questo articolo è il percorso classico per scalare il Großes Wiesbachhorn, ed è solo parte della camminata che abbiamo intrapreso. In realtà siamo partiti a piedi dal fondovalle, dal parcheggio poco prima dell’albergo Kesselfall Alpenhaus a 950 m, siccome abbiamo dedicato all’impresa 2 giorni. Il problema di questa camminata, che in realtà è fattibile, è l’infrastruttura e orografia del posto.

Infatti la valle, dopo una parte molto ripida, è riempita da due laghi artificiali, uno a circa 1670 m e il successivo a circa 2030 m. Dalla Kesselfall Alpenhaus partono autobus che portano ad una funicolare che sale fino al primo lago. Fino a qui c’è anche in alternativa un bel sentiero che permette di fare questo tratto a piedi. Dalla stazione alta della funicolare partono autobus che portano fino alla diga del secondo lago, dove si trovano un piccolo museo delle dighe e un paio di ristoranti. Da qui parte la variante che proponiamo in questo post.

Data l’orografia del posto, non ci sono dei veri e propri sentieri attorno al primo lago, ma solo una strada con gallerie molto strette e nelle quali c’è il divieto di entrare a piedi (a causa del traffico di autobus). Alcuni tratti di sentiero esposti sul lago aggirano le gallerie, tuttavia quando ci siamo stati noi i sentieri erano chiusi a causa di frane e siamo stati costretti a prendere un autobus per superare le gallerie. Inutile poi dire che, grazie a tutta questa infrastruttura, le dighe pullulano di turisti, e dopo essersi fatti 1000 m di dislivello a piedi ci si ritrova tra una massa di gente un po’ inaspettata.

Il lago alto è dominato dalla Heinrich-Schwaiger-Haus (2802 m), un rifugio dove noi abbiamo pernottato. Siccome il percorso che proponiamo fa uso di autobus e funicolare, è percorribile in un giorno senza fermata al rifugio. Nulla vieta tuttavia di fermarsi una notte in rifugio e trasformare anche questa in una gita di due giorni.

Descrizione del percorso

Dal centro turistico del lago alto si percorre la diga, per poi imboccare il sentiero che porta alla Heinrich-Schwaiger-Haus, raggiungibile in circa 2 ore (più informazioni sul rifugio qui sotto). Il sentiero fino al rifugio non presenta difficoltà, anche se in alcuni luoghi è un poco esposto e presenta poche tracce di vegetazione (portatevi la crema solare!). Dal rifugio, anche piuttosto esposto sopra di un burrone, si gode di un ottimo panorama sui due laghi e sul Kitzsteinhorn (3203 m).

Dalla Heinrich-Schwaiger-Haus alla cima ci sono circa 3 ore di cammino. Il percorso si fa un poco più tecnico, anche perché si trova neve facilmente anche d’estate. Appena sopra al rifugio ci sono delle corde dove si deve scalare e salire sopra una roccia, ma niente di tragico. Segue poi una salita su un versante di forma triangolare ripido ed esposto (visto dal basso sembra quasi verticale) coronato in cima da un secondo tratto di corda che permette di salire su una cresta, anche questa piuttosto esposta. Siamo qui sull’Unterer Fochezkopf già a 3000 m e i ramponi possono tornare utili dato che la cresta è piuttosto ripida ed è probabile trovare neve e ghiaccio. Noi siamo comunque riusciti, usando a tratti anche le mani per sicurezza anche senza attrezzatura. Superato un primo “colle” (Oberer Fochezkopf) a 3160 m, inizia la parte di cresta chiamata in tedesco Kaindlgrat, dove si sta al bordo del ghiacciaio.

Superata questa cresta giunge un secondo “colle” a circa 3250, che è ai piedi della piramide che ha per cima la croce del Großes Wiesbachhorn ed è cinto a sud da un altro ghiacciaio. Siccome la piramide della cima è molto ripida, consigliamo, invece di prendere il sentiero che sale direttamente dal lato nord-ovest, di prendere la variante bassa. Questa attraversa dapprima un bordo del ghiacciaio e poi sale dal lato sud-ovest, che è meno ripido ed esposto. L’ultimo tratto richiederebbe l’utilizzo di ramponi a meno che non siate incoscienti come noi.

Arrivati in cima si gode di un fantastico panorama e si vede, molto prominente, il Großglockner, un poco più in lontananza il Großvenediger, mentre un occhio attento può scorgere il Wildspize (la seconda cima in Austria).

Foto della croce sulla cima del Großes Wiesbachhorn.

Il ritorno si svolge a ritroso sullo stesso sentiero.

Mappa del trekking

[map=13,47.16254,12.73897]47.16254,12.73897(Heinrich-Schwaiger-Haus); 47.16773,12.71503 47.16741,12.71616 47.16743,12.71631 47.16738,12.71813 47.16772,12.71985 47.16868,12.72157 47.16906,12.72197 47.16886,12.72296 47.16909,12.72337 47.16849,12.72352 47.16766,12.72438 47.16731,12.72567 47.1674,12.72648 47.16769,12.72663 47.16781,12.72691 47.16781,12.72717 47.16727,12.72676 47.16747,12.72734 47.16712,12.72762 47.16681,12.72788 47.16677,12.72863 47.167,12.72901 47.16747,12.72916 47.16846,12.73161 47.16884,12.73273 47.16935,12.7335 47.16953,12.73433 47.16859,12.73358 47.16874,12.73408 47.16842,12.73391 47.16865,12.73489 47.16811,12.73448 47.16821,12.73476 47.168,12.73472 47.16817,12.7353 47.1681,12.73543 47.16766,12.73506 47.1677,12.73539 47.16753,12.7353 47.16743,12.73564 47.16731,12.7353 47.16702,12.73601 47.16677,12.73524 47.16661,12.73564 47.16649,12.73534 47.16635,12.73582 47.16617,12.7353 47.16598,12.73571 47.16592,12.73554 47.16563,12.73594 47.1656,12.73547 47.16522,12.73543 47.16537,12.73573 47.1648,12.73566 47.16502,12.73629 47.16457,12.73597 47.16482,12.73663 47.16484,12.7371 47.16425,12.73663 47.16426,12.7368 47.16403,12.73685 47.16423,12.73779 47.16391,12.73766 47.16394,12.73809 47.16378,12.73796 47.16411,12.73946 47.16387,12.73929 47.16388,12.73959 47.16273,12.73865 47.16252,12.73878 47.16285,12.73914 47.16384,12.74075 47.16381,12.74092 47.16388,12.74124 47.16349,12.74157 47.16362,12.74208 47.16371,12.74257 47.16352,12.74335 47.16206,12.74466 47.16156,12.74584 47.16146,12.74635 47.15929,12.74708 47.15882,12.74787 47.15796,12.74809 47.15698,12.74942 47.15542,12.75058 47.1546,12.75116 47.15484,12.75169 47.15491,12.75204 47.15508,12.75191 47.15532,12.7521 47.15549,12.75204 47.15549,12.75236 47.15574,12.75257 47.15599,12.75249 47.15653,12.75287 47.15664,12.75438 47.15678,12.75491[/map]

Dormire nella Heinrich-Schwaiger-Haus

La Heinrich-Schwaiger-Haus è un rifugio appartenente al club alpino tedesco, il Deutscher Alpenverein (DAV). Si trova nel Parco Nazionale Alti Tauri, ad un’altitudine di 2.802 m. Dal Moserboden, il lago artificiale sottostante citato sopra, la si può raggiungere solo a piedi, e questo la rende una meta per soli camminatori. Il grande vantaggio di pernottare qui è la possibilità di vedere il tramonto e l’alba a quasi 3.000 m di altitudine, uno spettacolo di colori.

Il rifugio ha 72 posti letto, con un paio di camere doppie e camerate. È obbligatorio l’utilizzo di un sacco lenzuolo, che dovrete portare da casa. Le coperte ci sono, quindi un sacco a pelo non è strettamente necessario. I bagni hanno delle docce a gettoni. Si può scegliere se prendere mezza pensione o solo colazione. Vi consiglio di prenotare con un po’ di anticipo, dato che nei fine settimana questa meta alpina è molto gettonata e si rischia di non trovare posto.

Nel sito ufficiale del DAV si trovano informazioni, ma purtroppo solo in tedesco: Pernottare alla Heinrich-Schwaiger-Haus

Il Großes Wiesbachhorn è una cima alta ma abbastanza accessibile. Si trova in una parte delle Alpi che presenta paesaggi che possono essere per alcuni un poco insoliti ed interessanti.
Fateci sapere in un commento cosa ne pensate di questa camminata, e se avete domande saremo felici di aiutarvi!

State cercando dei trekking e camminate in Austria? Nella categoria Trekking in Austria trovate la nostra raccolta di escursioni nelle Alpi Austriache. Buon trekking a tutti!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *