Road trip in Corsica – Itinerario di 2 settimane

Road trip in Corsica – Itinerario di 2 settimane

Era da un po’ che la Corsica ci incuriosiva. Quest’estate finalmente ci siamo decisi: abbiamo prenotato il traghetto, preparato la macchina, caricato la tenda e gli accessori da campeggio, e siamo partiti alla volta di un road trip. Quest’isola selvaggia dai colori accesi, i profumi mediterranei, strade strette, picchi rocciosi e mille lucertole non ci ha delusi.

Purtroppo abbiamo avuto solo due settimane di tempo per esplorarla, troppo poche per la Corsica. Nonostante questo abbiamo creato un percorso vario per una vacanza rilassante e sportiva allo stesso tempo, e ne siamo stati soddisfatti. Il nostro itinerario fai da te è un misto di mare, trekking in montagna e visita a qualche cittadina. In questo post trovate le tappe del nostro viaggio in Corsica, nella speranza di aiutarvi a raccogliere qualche idea nell’organizzazione del vostro viaggio.

Corsica on the road – Itinerario di 2 settimane

Il nostro viaggio on the road in Corsica inizia e finisce a Bastia, dove siamo arrivati in traghetto. Nella mappa sottostante trovate le tappe del nostro itinerario:

Mappa della Corsica con tappe per un itinerario di due settimane.

Cape Corse

Chiamato anche “ditone della Corsica”, questa penisola viene considerata dai corsi come un’isola dentro l’isola. I suoi 40 km di lunghezza la rendono perfetta per una giornata di esplorazione. Piccoli paesini, strade strette, coste scoscese qualche spiaggia e punti panoramici. Se vi piace tutto ciò, Cape Corse fa per voi. Noi ci abbiamo trascorso solo un giorno ma se ne potrebbero dedicare di più, per esempio per fare qualche bella camminata.

Ve ne parlo nel post Cape Corse in un giorno.

Esplorando Cape Corse, insediamento di Erbalunga.

Spiaggia dell’Ostriconi

Superndo San Fiorenzo,  poco prima di Isola Rossa, si trova la Spiaggia dell’Ostriconi. Situata al limite del Deserto delle Agriate, questa è stata una delle spiagge più belle dove siamo stati. Distante dai centri abitati e carente di strutture ricettive, questa spiaggia di sabbia bianca è selvaggia e, almeno quando ci siamo stati noi, non troppo affollata. Camminando un po’ si raggiungono delle baiette con spiagge rocciose isolate. I dintorni sono incantevoli per delle escursioni, tanto che si potrebbe restare senza problemi per qualche giorno.

Fotografia panoramica della Spiaggia dell'Ostriconi, Corsica.
Vista sulla Spiaggia dell’Ostriconi.

Calvi

Calvi è una piccola e turistica cittadina portuale. La parte più bella da visitare è senz’altro la cittadella, che sorge all’interno di poderosi bastioni a picco sul mare. Ci è piaciuto passeggiare senza meta tra i suoi vicoli di pietra e le sue piazzette, che offrono molti spunti per dei motivi fotografici. Al di fuori dei bastioni e al porto si trovano locali e negozietti chic.
Curiosità: a Calvi si trova la Casa di Cristoforo Colombo. La città, che all’epoca faceva parte della Repubblica di Genova, rivendica di essere la città natale del navigatore italiano… Sarà vero?

Particolare di una strada nella città vecchia di Calvi, Corsica.
Una viuzza con delle belle case vissute nella città vecchia di Calvi.

Capu Tondu – Trekking

Partiti da Calvi, abbiamo percorso una delle più belle tratte del nostro viaggio, fino a raggiungere Piana. Questo tratto di strada è particolarmente panoramico, ma non molto scorrevole. Le tante curve rallentano la guida, quindi calcolate più tempo di quanto dice il navigatore. Noi abbiamo fatto una sosta a Galeria, per fare una camminata dal centro del paesino fino a raggiungere Capu Tondu, la cui cima raggiunge gli 800 m. La camminata offre dei bellissimi scorci sul mare e le montagne circostanti.

Trovate più informazioni nel post Trekking a Capu Tondu.

Foto panoramica dalla cima di Capu Tondu, Corsica.
Il panorama dalla cima di Capu Tondu.

Calanchi di Piana – Trekking

I Calanchi di Piana sono famosissimi, soprattutto per il suggestivo e tortuoso tratto di strada che li attraversa fino ad arrivare a Piana. Abbiamo superato tutte le curve e anche il paese, dirigendoci verso il nostro campeggio sulla Plage d’Arone. Per avere anche un’altra prospettiva di queste incredibili formazioni rocciose, ci siamo avventurati in una camminata. Siamo partiti da Piana per salire nell’entroterra ed avere una visuale dal cuore dei Calanchi: Capu d’Ortu (1.294 m s.l.m.). Un luogo incantevole con dei panorami mozzafiato da includere assolutamente in un viaggio in Corsica.

In questo post trovate le informazioni sul percorso: I Calanchi di Piana a piedi – Trekking fino a Capo d’Ortu.

Foto delle particolari formazioni rocciose delle Calanche di Piana.
Le particolari formazioni rocciose delle Calanche di Piana.

Capu Rossu – Trekking

Capu Rossu è un promontorio che si innalza tra i Golfi di Porto e Sagone, visibile durante tutta la tratta che attraversa i Calanchi. Qui abbiamo fatto una camminata pomeridiana, dopo aver passato la mattina alla Plage d’Arone. Sul promontorio si trova una torre genovese, dalla quale avrete una bellissima vista su tutto il promontorio.

Leggete l’articolo Trekking a Capu Rossu per saperne di più.

Foto del paesaggio scattata da Capu Rossu, Corsica.
Il panorama dalla torre genovese di Capu Rossu su tutto il promontorio.

Bonifacio

La cittadina di Bonifacio si trova nel sud della Corsica ed è famosa per le sue falesie di calcare bianche. Prima di entrare in città abbiamo fatto una bella passeggiata fino a raggiungere il Faro di Capo Pertusato, che domina sulla Plage de Saint-Antoine.
Nonostante sia molto turistica, Bonifacio ci è piaciuta molto per la sua peculiarità di sorgere su una stretta scogliera a strapiombo sul mare. A guardarla dal basso, la pendenza delle rocce fa un po’ paura perché sembra che le case siano costruite nel nulla. All’interno, il centro è molto carino e farcito di negozietti e ristoranti per turisti.

Fotografia panoramica delle falesie bianche di Bonifacio.
Panorama sulle falesie di Bonifacio.

Porto Vecchio e Spiaggia di Santa Giulia

Porto Vecchio è cittadina portuale di origini genovesi ed è una delle località più visitate in Corsica. Anche qui si trova una cittadella arroccata tra della mura di pietra. Colorata, piena di vita e abbastanza piccola, in una mattinata avrete fatto il giro della cittadella e il resto di Porto Vecchio. Rispetto a Bonifacio e Calvi, il centro non è particolare.
Tra Porto Vecchio e Bonifacio ci sono tra le più belle spiagge sabbiose della Corsica (secondo le guide turistiche). Noi abbiamo optato per Santa Giulia, a pochi chilometri da Porto Vecchio. Come prevedibile, era piuttosto affollata. La spiaggia è circondata da strutture turistiche e ha un fondale molto dolce e adatto ai bambini.

Fotografia della chiesa di Porto Vecchio, Corsica.
La chiesa di Porto Vecchio in una bella domenica estiva.

Valle di Solenzara

A un’oretta di macchina a nord di Porto Vecchio si trova il comune di Sari-Solenzara. Il fiume Solenzara scende per una valle traboccante di laghetti e pozze abbastanza profonde per fare il bagno e tuffarsi. Un posto meraviglioso e una rinfrescante scoperta nel calore estivo. Ci sono un paio di campeggi direttamente sul fiume,, che rendono questa valle un’ottima alternativa al calore della spiaggia e all’acqua salata del mare. Anche qui si trovano numerose famiglie, ma l’atmosfera è decisamente più tranquilla.
Non siamo però riusciti a rinunciare a un po’ di avventura, e così ne abbiamo approfittato per arrampicarci sempre più in alto lungo la Via Ferrata de Buccarona, un percorso panoramico con scale, ponti tibetani e teleferiche…

Fotografia del fiume Solenzara.
I bellissimi colori del fiume Solenzara.

Corte

Corte fu la capitale della Repubblica Corsa, uno Stato indipendente dal 1755 al 1769, prima di venire occupata definitivamente dai francesi. Viene chiamata anche “cuore della Corsica” a causa della sua posizione geografica centralissima, ma anche per il ruolo avuto durante gli anni di indipendenza. Forse è stata la mia cittadina preferita tra quelle viste, per il suo aspetto trasandato ma vissuto, le viuzze strette, i muri scrostati, i fiori, il profumo delle panetterie… Una visita al centro è decisamente consigliata.

Fotografia di una viuzza e casa con mura scrostate a Corte, Corsica.
Mura scrostate a Corte.

Monte Rotondo – Trekking

Abbiamo concluso il nostro itinerario on the road in Corsica in bellezza: un trekking sul Monte Rotondo. Questa montagna è la seconda in altezza sull’isola e la sua cima raggiunge i 2.622 m s.l.m., dopo il Monte Cinto (2.706 m). Questa escursione è stata tosta ma bellissima. In 1.600 m di dislivello si attraversano boschi e prati verdeggianti fino a raggiungere distese rocciose di alta montagna. Dalla cima uno spettacolo di laghi d’alta quota che ripaga la fatica, se siete amanti del trekking non potete farvelo scappare!

Vista sul Monte Rotondo dal lago.
Vista sul Monte Rotondo.

Con il panorama dalla cima del Monte Rotondo si è concluso il nostro itinerario in macchina e tenda in Corsica. Se siete alla ricerca di una meta economica, vicina all’Italia e facile da raggiungere con la propria auto o camper, venite qui. Noi siamo rimasti entusiasti di tutto quello che ha da offrire l’isola e ci ritorneremo senz’altro!

Se questo post vi è piaciuto o vi è stato utile lasciatemi un commento o condividetelo con i vostri amici. Chissà che non sia presto ora di una vacanza in Corsica…!

Se il post ti è piaciuto:


2 thoughts on “Road trip in Corsica – Itinerario di 2 settimane”

Rispondi a Loris Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *