Relazione a distanza – 10 consigli per superarla

Relazione a distanza – 10 consigli per superarla

 Trasferirsi o vivere all’estero comporta per molti la difficoltà di dover affrontare una relazione a distanza, come accennato nel post Vivere all’estero – Vantaggi e svantaggi. È naturale avere paura di perdere una persona che si ama mentre si inseguono i propri sogni, così a volte rinunciare sembra l’unica opzione, ma non è così. Una relazione a distanza si può gestire e superare, non è una battaglia persa dal principio o un’illusione. Bisogna però sapere che comporterà dover affrontare delle difficoltà e fare dei sacrifici.

Io ci sono passata, ho portato avanti una relazione a distanza per più di 4 anni e ora vivo insieme al mio ragazzo. Dopo aver scritto i pro e contro di una relazione a distanza, oggi vi darò i miei consigli per gestirla, farla funzionare e superarla.

10 consigli per superare una relazione a distanza

Sono tante le cose che ho imparato durante questi famigerati anni della nostra relazione a distanza. Per questo mi baserò sulla nostra esperienza per darvi qualche consiglio su come affrontare e superare una relazione a distanza. Certo, alcuni sono applicabili a qualsiasi tipo di relazione di coppia, ma in questo caso osserviamoli nell’ottica di una relazione a distanza.

  1. Avere un obiettivo comune. Avere un obiettivo da raggiungere, come ricongiungersi e andare a vivere insieme, vi aiuterà a superare la distanza e il tempo. Oltre ad avere questo desiderio comune, però, è importante decidere quando questo avverrà. Sapere che per raggiungere quel momento dovrete aspettare sei mesi, un anno o tre anni, farà la differenza. Potrete fare un “conto alla rovescia” e organizzarvi meglio, sarà più facile prendere decisioni per sfruttare meglio il tempo che avete a disposizione, vi darà sicurezza e vi aiuterà nei momenti difficili.
  2. Scendere a compromessi. Importante per ogni relazione, ma indispensabile se si tratta di una relazione a distanza. Sarà necessario scendere a compromessi per superare i mesi o gli anni di lontananza. Come dicevo nel primo consiglio, è importante avere un obiettivo comune. Questo significa che bisognerà scegliere una città dove vivere insieme, eventualmente trovare un nuovo lavoro, abbandonare la propria famiglia e amici, imparare una nuova lingua etc. Entrambi dovranno trovare un compromesso che vada bene ad entrambi.
  3. Sentirsi regolarmente. Non importa quanto spesso, ma è importante dedicare del tempo all’altra persona. Il mio consiglio è di fissare una serata o due a settimana per una telefonata o video chiamata. Alcune coppie si telefonano quotidianamente e più volte, alcune ogni due giorni, altre una volta a settimana o meno. Ognuno conosce il proprio limite di sopportazione. Secondo me, piuttosto che sentirsi ogni giorno per raccontare cosa si ha mangiato a pranzo, conviene fare una bella video chiamata ricca di informazioni, piuttosto che “perdere tempo” ogni giorno raccontandosi ogni piccolezza.

  4. Vedersi di persona regolarmente. La stessa cosa vale per le visite. In base alla lontananza, potete decidere di vedervi due volte o una volta al mese. Per alcuni forse anche meno. Una volta visto quale intervallo fa per voi, sarà più facile organizzare le visite. In generale, credo sia meglio passare del tempo di qualità con l’altra persona. Vedersi ogni settimana ma stressarsi perché è costantemente sulla strada non è sempre la soluzione migliore.
  5. Alternare i viaggi per vedersi. Soprattutto se la distanza da coprire per vedersi è grande, vi consiglio di alternare le visite. In questo modo vi dividete equamente i costi dei trasporti, così come la fatica e la perdita di tempo del viaggio. Così facendo entrambi sono calati nell’ambiente dell’altra persona e possono comprenderlo meglio.
  6. Impegnarsi a comprendere lo stato d’animo dell’altro. Supponiamo che uno di voi due decida di andare a vivere all’estero o di trasferirsi in una città molto lontana dalla vostra. Mostrare interessamento e provare a capire come si sente l’altra persona è di fondamentale importanza per non sminuire i suoi sentimenti ed evitare inconvenienti. Calarsi nei panni dell’altro non è cosa facile, ma è un buon metodo per valorizzare quello che sta facendo o vivendo, e capirlo meglio.

  7. Organizzare delle vacanze insieme. Una vacanza è un momento bellissimo durante una relazione a distanza. Sarà del tempo per voi soltanto, dove potrete godere della compagnia dell’altro per un periodo di tempo più lungo del solito. Sarà un piccolo premio, un assaggio del tempo che potrete passare insieme dopo la lontananza. Organizzare insieme le vostre vacanze è come un piccolo progetto che portate avanti insieme e vi unirà.
  8. Avere fiducia nell’altro. Una relazione funziona male se entra in gioco troppa gelosia, figuriamoci in una relazione a distanza… Non pretendere di sapere tutto quello che fa l’altra persona, ma abbiate fiducia reciproca. Se non vi fidate dell’altra persona, che senso ha sacrificare così tanto per portare avanti una relazione?
  9. Tenersi occupati. Amici, studio, sport, progetti personali… Non lasciate che la tristezza o la nostalgia prenda il sopravvento. Tenetevi occupati, così vi divertirete o farete qualcosa di utile, e intanto il tempo trascorrerà più velocemente fino al momento di rivedersi.

  10. Considerare la lontananza come un vantaggio per la coppia. Vivere lontani e vedersi poco non è facile, ma provate a considerarlo un vantaggio. Imparerete a valorizzare molte cose che altrimenti avreste dato per scontate. Fare la spesa insieme, raccontarsi la giornata durante la cena, un bacio rubato prima di scappare a lavoro… Sono tante le cose che si dovrebbero apprezzare e che non sono affatto scontate, dopo aver vissuto una relazione a distanza lo saprete bene. Sarà inoltre una fantastica opportunità per testare il vostro amore e costruire la relazione su una base di amicizia e fiducia reciproca, che ve ne farà uscire più forti di prima.

Avete altri consigli da aggiungere? Postateli in un commento o raccontatemi la vostra storia.

Se il post ti è piaciuto:


14 thoughts on “Relazione a distanza – 10 consigli per superarla”

  • Nella mia esperienza le relazioni a distanza sono le migliori, si vedono solo i lati positivi dell’altra persona ed è quasi impossibile litigare 🙂

    • Grazie per il commento, Paola! Anche secondo me non è una cosa che deve spaventare. Io ho sempre tentato di vedere solo i lati positivi durante gli anni della mia relazione a distanza 🙂

    • Io ringrazio per i preziosi consigli, ma molto dipende anche dall’età e dall’intensità del sentimento. Poi c’è anche da considerare la salute perché per quanti programmi si facciano a volte la cose possono cambiare molto velocemente e non sempre si può programmare quello che di farà per cui aggiungerei che ci vuole generosità ed essere disposti a mettersi in discussione oltre che afferrare l’attimo se ne vale la pena

      • Ciao Cristina, grazie a te per il commento. Chiaramente ogni coppia ha una dinamica e una storia diversa… Concordo in pieno con la tua ultima frase: senza generosità e voglia di mettersi in discussione é piuttosto difficile andare avanti. Bisogna fare dei sacrifici e imparare a scendere a compromessi.

  • Per me funziona molto whazzapp. Ci mandiamo messaggi stupidi, oppure vedo una cosa, la fotografo e gliela invio. É un modo moderno per vivere insieme la quotidianità, anche se non siamo vicini fisicamente.

    • Hai ragione Francesca, anche i messaggi sono un ottimo modo per ingannare un po’ la distanza. Vivere insieme la quotidianitá in una relazione a distanza é importante per comprendersi meglio.

  • anche io ho avuto questa esperienza, per due volte nella vita, ma entrambe non sono andate come avrei voluto. è molto difficile da mantenere una relazione così, e ci vuole davvero molta fiducia e soprattutto capacità di affrontare da soli tutti i momenti bui che la vita ti riserva, senza una spalla su cui poggiarsi. I tuoi consigli sono una buona strada per riflettere.

  • Una delle mie più care amiche ha una relazione a distanza con il suo fidanzato da… 13 anni. Per 10 anni lui è vissuto negli Usa e lei a Milano. Poi hanno convissuto due anni mentre lui viveva in Italia e ora lui vive in Svizzera e lei a Roma. Come fanno? lunghe e frequenti telefonate, videochiamate, messaggi, email… Sono in contatto costante, per le cose importanti e per le cose banali. Pensa che un giorno in cui lei si era persa e il navigatore della macchina non funzionava, lui l’ha guidata a destinazione seguendo google map e dandole indicazioni via telefono dagli USA!!!

  • La mia esperienza di relazione a distanza non è durata neanche un anno, giusto il tempo di due Erasmus fatti all’incirca nello stesso periodo. Però ho seguito tutti i consigli che hai elencato e la storia ha funzionato, o per meglio dire funziona ancora, adesso che siamo adulti ^_^

Rispondi a Francesca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *