14^ TAPPA: Castrojeriz ➜ Villarmentero de Campos

10 agosto 2015

Sveglia alle 6 e super colazione metta a disposizione dall’albergue, in cambio di una piccola donazione. Il percorso è iniziato in una leggera discesa e ci ha poi portati a una collina, la cui vetta, raggiunta dopo 3 chilometri di salita, che ci ha regalato una magnifica vista sull’altopiano. Il resto del percorso è stato piatto e monotono, esattamente come ieri.

IMG_20150810_090050

Una volta lasciato Castrojeriz abbiamo incontrato solo due paesini nell’arco di 25 chilometri: Itero de la Vega e Boadilla del Camino. Per evitare la noia abbiamo chiacchierato a lungo con un coreano e una belga. Poco prima di Fromista abbiamo incontrato due italiane, tra cui Valentina da Desenzano, che si è unita a noi per la spesa e il pranzo. Abbiamo trovato una comoda panchina all’ombra di fronte alla chiesa, dove abbiamo potuto riposarci. Chiacchierato con la nostra nuova amica abbiamo fatto gli altri 9 chilometri circa che ci separavano da Villarmentero de Campos.
In questo posto sperduto tra i campi ci ha accolto un albergue un po’ fuori dal comune. Oltre a due camere all’interno, aveva un campo con delle teepee, tubi di cemento e bungalow che fungevano da dormitorio all’aperto. Nel cortile scorrazzavano galline e delle cattivissime oche. Da degno campo hippie c’erano molte tende di pellegrini piantate qua e là e molte persone avevano i capelli lunghi e vestiti appariscenti.
La cucina e la sala comune erano una cosa sola, piena di colori, libri e un bel tavolo di legno. L’hospitaliero ci ha offerto un tè appena arrivati. Per cena abbiamo fatto altri 500 grammi di pasta col tonno, che abbiamo diviso con Valentina.
Per dormire ci è toccato un tubo di cemento mezzo dipinto, con un materasso sopra un sostegno di legno. È stato il posto più strano dove abbia dormito e con nostra sorpresa manteneva il calore, in modo tale che la coperta bastasse. Alle 2 di notte ci siamo alzati e siamo andati a guardare le stelle, per cercare di avvistare quelle cadenti. Dopo averne ammirate cinque, siamo tornati a dormire.

[map]42.28861,-4.13567 42.28795,-4.13854 42.28774,-4.13861 42.28829,-4.14178 42.28788,-4.14178 42.28821,-4.14243 42.28883,-4.14547 42.28853,-4.14654 42.28799,-4.14712 42.28798,-4.14798 42.2885,-4.14974 42.28898,-4.15045 42.28991,-4.15395 42.28969,-4.15747 42.28999,-4.15961 42.28996,-4.16298 42.29107,-4.16573 42.29088,-4.16768 42.29072,-4.16811 42.29085,-4.1694 42.29031,-4.17011 42.2901,-4.17159 42.2896,-4.1721 42.28958,-4.17287 42.2891,-4.17345 42.28904,-4.17425 42.28875,-4.17633 42.28807,-4.17719 42.28793,-4.17785 42.28728,-4.1791 42.28742,-4.18191 42.2872,-4.18446 42.28656,-4.18579 42.28593,-4.18839 42.28621,-4.19332 42.28599,-4.19716 42.28633,-4.20118 42.28575,-4.20332 42.28555,-4.20991 42.28361,-4.21598 42.28317,-4.22034 42.28258,-4.22311 42.28123,-4.22662 42.28163,-4.2321 42.28175,-4.23456 42.28166,-4.23671 42.28063,-4.23982 42.27904,-4.24304 42.27872,-4.24465 42.27755,-4.24731 42.27759,-4.24834 42.2794,-4.2501 42.28196,-4.25044 42.28379,-4.25261 42.28498,-4.25349 42.28599,-4.25512 42.28706,-4.25652 42.28731,-4.25789 42.28706,-4.26192 42.2856,-4.26415 42.2828,-4.27368 42.28083,-4.28544 42.2809,-4.28668 42.27902,-4.29179 42.27874,-4.29694 42.27159,-4.31733 42.26988,-4.32557 42.26165,-4.34475 42.25921,-4.34711 42.26308,-4.35123 42.25949,-4.35814 42.25873,-4.36359 42.25841,-4.38071 42.25984,-4.38591 42.26299,-4.38878 42.26473,-4.39771 42.26423,-4.39925 42.26626,-4.40166 42.26607,-4.40638 42.26537,-4.40788 42.26502,-4.41367 42.26524,-4.41466 42.2654,-4.41766 42.26562,-4.41822 42.26543,-4.41947 42.26781,-4.44251 42.26943,-4.4453 42.26899,-4.4477 42.26953,-4.44942 42.27172,-4.44942 42.27544,-4.45504 42.28706,-4.47345 42.29068,-4.47847 42.29283,-4.48028 42.29375,-4.48156 42.29395,-4.48311 42.29363,-4.48328 42.29417,-4.48551 42.29468,-4.48757 42.29985,-4.49697 42.29896,-4.49857 42.29845,-4.49889 42.29824,-4.49866[/map]

KM TAPPA: 34
KM PERCORSI: 363
KM MANCANTI: 413
TEMPO:

Se il post ti è piaciuto:


1 thought on “14^ TAPPA: Castrojeriz ➜ Villarmentero de Campos”

  • Specifico: era pieno di gente strana che fumava erba in mezzo alle galline, abbastanza divertente!

    A noi hanno assegnato il tubo di cemento, che probabilmente e’ un tubo dell’acquedotto/fognatura, poiché non c’era più posto dentro. Come Maria ha sottolineato, nonostante la notte fosse molto/molto fredda (qui ‘e circa 900 di quota e nel nord della Spagna non fa poi cosi’ caldo a volte…), l’inerzia termica del tubo, che se ne sta sotto il sole tutta la giornata, ci ha fatto dormire benissimo! Gli altri nelle tende la mattina dopo si sono tutti lamentati che sono dovuti andare a chiedere altre coperte e che faceva un gran freddo comunque. Ahah! Non aver voluto dormire nel tubo della fognatura vi e’ costato alla fine, maledetti!

    Devo dire che questo albergue e’ stato piuttosto divertente. Ultima precisazione, abbiamo guardato le stelle perche’ era la notte di san Lorenzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *